martello-giudice-legge

Prima o poi nella vita capiterà di porvi questa domanda, e noi vi daremo qualche delucidazione a riguardo, parleremo infatti in questo articolo dei pro e dei contro delle aste giudiziarie, le quali sono per certi versi convenienti ma allo stesso tempo nascondono delle insidie, vediamo quali.

Cos’è un’asta giudiziaria

 Le aste giudiziarie entrano in gioco quando c’è un’espropriazione forzata del bene, il proprietario della casa si ritrova gravato da debiti a cui non può far fronte, in questo caso è debitore nei confronti di una banca, questo si verifica quando si fa un’ipoteca sulla casa per esempio, se non si restituisce il prestito la banca può prendersi la casa in oggetto e metterla all’asta in modo da ricavare i soldi che gli sono dovuti.

 Ogni (ipoteca e pignoramento ecc.) che gravava su quel bene viene considerata cancellata grazie al cosiddetto effetto liberatorio della vendita immobiliare forzata.

Le modalità con le quali si possono svolgere le aste fallimentari sono di due tipi:

  • Vendita senza incanto
  • Vendita con incanto

Una vendita con incanto si riferisce ad una gara pubblica, in cui viene conclusa la vendita quando nessun partecipante offre di più rispetto all’ultima somma proposta.

 Una vendita senza incanto invece avviene tramite offerte in busta chiusa, e sono previsti specifici requisiti per poter vincere la gara. Ad esempio, è necessario che l’offerta deve essere almeno del 75% rispetto alla base d’asta per poter essere venduto l’immobile

Ma veniamo al dunque, perché conviene comprare una casa all’asta vi domanderete, perché ovviamente c’è un notevole risparmio sul costo della casa; infatti, ci può essere un risparmio del 20% o del 40% rispetto al suo reale valore, inoltre se nel caso la prima asta si dovesse risolvere con un nulla di fatto, il tribunale può bandire un’altra asta, il prezzo dell’immobile si abbasserebbe ulteriormente, a vantaggio dell’eventuale compratore

Ma ora parliamo di tutti i pro di un’asta giudiziaria

Se ci si rivolge a una agenzia ovviamente ci saranno dei vantaggi ecco quali:

  • Accesso alle migliori offerte sul mercato
  • Potersi affidare ad un occhio esperto nella valutazione dell’immobile
  • Velocizzazione dell’iter burocratico;
  • Poter usufruire di assistenza nella compilazione della richiesta del mutuo
  • Assistenza e consulenza nel formulare l’offerta;
  • Poter delegare all’agenzia il controllo del trasferimento di proprietà;
  • Aiuto anche nella sistemazione/ristrutturazione dell’immobile.

I Contro: quanto costa partecipare a un’asta con l’aiuto di una agenzia?

Rivolgersi a un’agenzia immobiliare per l’acquisto di un’immobile è sicuramente vantaggioso da una parte, ma come sappiamo tutti nessuno fa qualcosa per niente, ci sono dei costi in più da affrontare: le commissioni che richiedono le agenzie non sono indifferenti, e oscillano tra il 2% e il 5% del valore dell’immobile.

Un altro aspetto negativo è dato dal fatto che tutto è in mano all’agenzia, quindi autonomia 0, qui si tratta di aver fatto veramente in un certo senso un patto con il diavolo; quindi, si può incappare in un’agenzia o incompetente o disonesta, fate attenzione a chi vi rivolgete e alla reputazione di questa agenzia.

Sarebbe quindi auspicabile fare tutto da soli, in modo da non imbattersi come abbiamo detto in gente poco raccomandabile, ma non tutti possono avere questa fortuna di essere autonomi e soprattutto competenti in questo campo; quindi, la scelta di appoggiarsi a un’agenzia diventa un passo obbligatorio.

Conviene comprare casa all’asta da soli?

Ecco alcuni rischi da non sottovalutare:

  • Inviare una domanda di partecipazione all’asta, sbagliata o incompleta;
  • Non leggere attentamente la perizia dell’immobile o affidarsi ciecamente a perizie vecchie
  • Non fare una valutazione dell’immobile di persona
  • Acquistare un immobile ancora occupato
  • Non accorgersi in tempo di eventuali difformità e/o abusi edilizi
  • Non rispettare la scadenza di termine di 60 giorni per saldare il pagamento in caso di vincita dell’asta, perdendo così la casa e la cauzione (in merito a questo, ricordiamo che a differenza di quanto si pensa, è possibile richiedere un mutuo al 100% anche per l’acquisto in asta)
  • Non avere abbastanza liquidità (perché vanno pagati subito: la cauzione e il deposito);
  • Non informarsi su nulla;
  • Non partecipare ad altre udienze per comprendere meglio il meccanismo di funzionamento delle aste immobiliari.

In estrema sintesi per non incappare in spiacevoli conseguenze è meglio rivolgersi a degli esperti, ma con le dovute cautele.