estinzione anticipata mutuo indap

L’estinzione del contratto di mutuo con l’INPDAP è disciplinata dal Regolamento per l’assegnazione ed erogazione di mutui ipotecari ed è riservata alle persone che sono iscritte alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali dell’INPS.

Nel regolamento si legge che è possibile estinguere anticipatamente, e in qualsiasi momento, un mutuo richiesto e ottenuto tramite l’INPDAP. Vediamo ora come fare per l’estinzione anticipata del finanziamento e di capire chi ne ha diritto.

Estinzione anticipata mutuo INPDAP: come fare?

Il Regolamento per l’assegnazione ed erogazione di mutui ipotecari dell’INPDAP prevede, all’articolo 23, che è possibile estinguere il mutuo in qualsiasi momento, in maniera parziale o totale. Il rimborso totale riguarda l’intero capitale residuo, mentre quello parziale rimborsa solo una parte della somma.

In caso di rimborso anticipato, l’ex INPDAP (oggi INPS) non potrà più riscuotere gli interessi previsti nel contratto. Per estinguere il mutuo INPDAP in anticipo bisogna sapere a quanto ammonti la somma residua da rimborsare. Per conoscere questi dati è necessario rivolgersi all’INPS e chiedere il conteggio estintivo. Il documento riporta le rate che sono ancora da pagare e le rate già onorate.

In questo modo il richiedente può sapere qual è l’esatta cifra ancora da restituite. Al versamento della somma l’INPS (ex INPDAP) rimborserà al mutuatario la cifra relativa al fondo rischi, associata al periodo di riduzione della garanzia.

Visitando il sito web dell’INPS e cliccando alla voce Modulistica, si può visualizzare il modulo di Richiesta anticipata estinzione che deve essere compilato e poi inviato alla sede di competenza. Per inviare la richiesta il soggetto deve disporre di un PIN identificativo rilasciato dall’INPS.

Estinzione parziale o totale del Mutuo INPDAP

Il mutuo richiesto all’ex INPDAP (INPS) ha una scadenza che è stata stabilita dal contratto. In genere varia da 10 a 30 anni in base all’età di chi lo richiede. Per la legge italiana il mutuatario può estinguere il mutuo in anticipo in qualsiasi momento, versando all’Ente parte della somma restante o il totale residuo.

Se si rimborsa l’intero capitale restante si parla di estinzione totale, mentre se ne viene rimborsata una parte, si parla di estinzione parziale. Come accennato, se il richiedente sceglie il rimborso anticipato l’Ente non riceverà più gli interessi previsti alla scadenza naturale prestabilita dal contratto.

Un tempo era prevista, in alcuni casi, una penale per l’estinzione anticipata, ma dal 2007 è stata eliminata dalla Legge n.40 del 2 aprile 2007. Quindi tutti i mutui richiesti dopo il 2 febbraio 2007 sono esenti dal pagamento di una penale per l’estinzione anticipata.

Estinzione anticipata mutuo INPDAP: chi ne ha diritto?

Hanno diritto all’estinzione anticipata del mutuo INPDAP tutti i richiedenti che beneficiano dell’attuazione dell’articolo 23 del regolamento, ovvero:

  • Pensionati e dipendenti pubblici.

Sia i pensionati che i dipendenti pubblici devono essere iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali e, per beneficiare dell’estinzione, devono aver versato la contribuzione al mutuo per almeno tre anni.